Centralfloridavocalarts

Centralfloridavocalarts

DISCOGRAFIA MONDO MARCIO SCARICARE


    Contents
  1. Mondo Marcio - Cose Dell'Altro Mondo + Cose Dell'Altro Mondo Marcio [Topic Ufficiale]
  2. Ground free #2
  3. Iscriviti alla newsletter di VICE:
  4. “La freschezza del Marcio”, il nuovo album di Mondo Marcio | Download

Scaricare Discografia Mondo Marcio -> centralfloridavocalarts.com Scaricare Discografia Mondo Marcio 2a7d2b7b5e [Tracklist,,,album,,,Mondo,,,Marcio. Tracklist album Mondo Marcio – La Freschezza Del Marcio. Download album Mondo Marcio – La Freschezza Del Marcio su iTunes. Clicca sugli album per visualizzare la tracklist e i video delle canzoni; Uomo (​); La Freschezza Del Marcio (); Nella Bocca Della Tigre (). Mondo Records: Mondo Marcio - Nico Flash - Tom Beaver - A & R - Loge. "​Nella Bocca Della Tigre" / All albums Written and Produced by. Mondo Marcio.

Nome: discografia mondo marcio
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 56.42 MB

Ho letto i vostri commenti, osservato le vostre reazioni. Non sono devoto ai social network, ma leggo tutto. Vi scrivo queste righe perché' ho visto anche alcuni di voi confusi riguardo a questo nuovo, ambizioso e folle progetto.

Qualche chiarimento potrà' farci comodo a entrambi. Nella Bocca Della Tigre e' il mio nuovo disco. Alcuni di voi hanno notato un cambiamento nei testi, nella musica… e' esattamente quello che faccio da sempre.

Andare contro corrente, cercare ispirazione… la cerco prima di tutto per me.

Molella, deejay, artista e produttore italiano noto a livello internazionale. Ecco perché sono soddisfatto della mia scelta. Sono sicuro che la cura che pongono nel dettaglio mi aiuterà a valorizzare WR1 Music".

A seguito di questo accordo la partnership fra Bang Record e Pirames si intensifica ed andrà a toccare, anche se con differenti modalità, aree quali il licensing, le sincronizzazioni e, più in generale, lo sviluppo ed il posizionamento dei prodotti di Bang. In questi due anni di collaborazione, seppur parziale, Pirames ha dimostrato serietà, competenza e professionalità massima, ed è quello che cerco per il futuro, per il bene della Bang e di tutte le persone che ci danno fiducia lavorando con noi.

Dopo pochissimi anni di operatività, ha conquistato il suo spazio nel mercato italiano e internazionale, diventando una delle 10 TOP labels italiane.

Avrà inoltre il compito, grazie alla sua vasta rete di contatti, di ricercare nuove opportunità commerciali e presentare le attività di Pirames a nuovi potenziali clienti. Inizia a lavorare in RCA come talent scout e il destino gli fa subito incrociare il disco Tre parole di Valeria Rossi. Nel sceglie di diventare un freelance e cura il disco di Maurizio Fabrizio, il tributo di Rino Gaetano per Sony ed alcuni progetti per Warner e per Sony. Ritengo che oggi stia cambiando il modo di ascoltare, veicolare e quindi lavorare con la musica.

Periodo decisamente intenso per le sorelle Iezzi. Pirames International si occuperà della distribuzione digitale attraverso i vari digital store iTunes, Google Play, Amazon, ecc. Queste due etichette dispongono di moltissimo materiale video ed altro ne creeranno appositamente per i loro canali YouTube di prossimo lancio. Le nuove opportunità che ci offre il mondo digitale sono per noi fondamentali. I proventi di questo singolo saranno infatti interamente devoluti alla sua comunità Exodus.

Inoltre è appena stato pubblicato per Immaginifica Zarathustra Live In Studio dei Museo Rosenbach, la versione live in studio del celeberrimo album che nel ha reso la band famosa in tutto il mondo. Queste ultime includono ad esempio interviste, performance estemporanee e materiale inedito filmato dietro le quinte che verranno aggiornate settimanalmente.

Magari è anche questa la gabbia di cui parli… Mi stavo facendo le ossa, sia creativamente che a livello di farmi da manager da solo.

Ho avuto un percorso abbastanza anomalo: ho fatto molta gavetta tra i 15 e i Venivo da un periodo in cui l'HH non esisteva, non c'erano le strutture, le piattaforme dove esibirci. Arrivavamo dal nulla, nessuno ci dava i soldi per fare niente. Col senno di poi un album del genere, anche se lo metto per ultimo — ma solo come legame personale, perché è un disco che poi ho suonato un sacco, al mio zoccolo duro è piaciuto un sacco — ha funzionato. Ho potuto proporre delle soluzioni sia per i video, che per la creatività in senso lato fino alla comunicazione, ma non tutte sono andate a buon fine.

Quando penso a un disco metto sullo stesso piano la musica e il modo in cui viene comunicata, perché mi piace l'idea che a chi sta a casa arrivi un unico grande messaggio e qui ho avuto un po' le mani legate e per questo lo percepisco come un lavoro un po' a metà. Tendo a cambiare molto spesso. Non sono un grande fan degli artisti che ripropongono sempre lo stesso personaggio, anno dopo anno. Quella mi pare una mossa abbastanza paracula, non stai facendo musica, stai facendo marketing.

Preferisco sempre scoprire cose nuove. Questo disco tra l'altro arriva in un periodo molto particolare, in cui non si era ancora capito dove sarebbe andata la scena e tu arrivi con un singolo che è un tributo ai Cypress Hill.

Ci sono un sacco di riferimenti a loro, ma soprattutto a quel periodo. Voleva essere un tributo al rap tra gli anni Novanta e i Duemila, un modo per dire che la musica non ha data di scadenza.

Generazione X La copertina di Generazione X. Questo è un disco che commercialmente è andato bene, ha fatto disco d'oro, quindi dovrei essere soddisfatto.

Eppure, qui, stavo iniziando a soffrire della fama. È un disco che mi ha fatto soffrire molto, perché metà della scena italiana, quando ha visto il successo che stavo facendo con Solo un uomo ha ben deciso di tirarmi merda addosso. Penso alla lunga metafora del viaggio. Venivi da due dischi che volendo possono essere considerati concept album, ma questo era un pacchetto completo. E, soprattutto, mostravi un'attenzione per il pop italiano che non tutti allora avevano con un bel campione di Anna Oxa che, volendo, rivelerà poi il tuo cammino futuro.

Be', l'attenzione al pop c'è sempre stata, perché io sono cresciuto con tanti generi musicali e ho cercato di mettere tutto nel mio disco. Se tu ci pensi tutti i primi tre dischi sono stati dei dischi molto avanti per il periodo in cui sono usciti, sia per il sound che per i contenuti. Ho parlato di cose che all'epoca non erano comuni: la famiglia, la mamma. Fare i pezzi dedicati alla mamma non era cool, era una cosa che a me stava a cuore perché ero cresciuto in casa con lei e basta, era lei il mio supereroe.

Adesso va di moda parlare della mamma.

Idem la pronuncia masticata. Ai tempi tutti mi chiedevano come cazzo parlassi, adesso tutti quanti si masticano la pronuncia. Oggi se non fai il video negli USA sei un fallito. Ah, certo. Mondo Marcio e Generazione X sono concept album in tutto e per tutto. Il primo è tipo un incubo, un'allucinazione che finisce quando inizia e Generazione X è questo bad trip che mi faccio su questo aereo. L'idea di fare concept album è quella di fare album che abbia senso ascoltare di nuovo.

L'idea di fare un concept album è quasi intrinseca con questo pensiero: se io faccio un concept album è un film, è un qualcosa che quando finisce vuoi riscoprire come è iniziato. Non mi aspettavo questa posizione per Generazione X, sinceramente.

Io, quasi ingenuamente, fin da ragazzino sono stato molto fan della cultura. Tutto quello che facevo era portare l'hip hop in posti in cui non era mai stato. Nessuno neanche se lo sognava. Non ho mai fatto musica per accumulare soldi: mi piace guadagnare, ma il rap non è business per me, è una passione.

Mondo Marcio - Cose Dell'Altro Mondo + Cose Dell'Altro Mondo Marcio [Topic Ufficiale]

Non si pensa mai a quanto fossi giovane, all'epoca del successo. Hai tipo dieci anni in meno dei tuoi colleghi di quegli anni. Nella Bocca della Tigre La copertina di Nella bocca della tigre. Questa per me è la cosa più americana che tu abbia mai fatto.

Come si fa a trasportarla in Italia? Portare la cantante italiana per eccellenza, Mina, in un contesto hip hop a me gasava tantissimo, mi sentivo un bambino in un negozio di dolci. Era anche la possibilità di alzare moltissimo il livello della conversazione e di rendere più autorevole il nostro genere. Ho passato parte della mia carriera a essere il drogato, il perditempo e i cantanti sono altri, la musica vera è altra.

E allora sai che c'è? Io ho fatto il disco con la cantante italiana. Tra l'altro una persona che non è solita collaborare con gli altri.

Fa letteralmente quello che vuole perché ha venduto più di milioni di dischi. Fare un disco con lei mi sembrava un'ottima prova del nove per tutti i detrattori del genere e della nostra cultura per dimostrare che potevamo stare allo stesso livello del pop, del rock e di tutti gli altri generi che vanno in Italia.

E come si fa a convincere il pubblico italiano che il rap non è una cosa di serie B? È come insegnare a un bambino a camminare, moltiplicato per 60 miliardi. Dicevi benissimo prima: il rap non fa parte della cultura italiana. È una musica giovane, di protesta, degli afro-americani che muoiono nel ghetto. L'Italia è un paese bianco, di mezz'età e borghese. E tornando a Mina: come nasce questa collaborazione?

Ground free #2

Da una canzone. Sembrerebbe un po' un harakiri. Perché farlo? In realtà è stata una bella collaborazione, mi sono trovato bene.

Iscriviti alla newsletter di VICE:

Qualsiasi multinazionale è fatta di persone, le chiacchiere che avevo fatto per questo disco mi piacevano, i presupposti mi soddisfavano e per cui abbiamo lavorato bene. Per un artista come me, poi, è meglio lavorare come indipendente piuttosto che con una multinazionale per il semplice fatto che in una multinazionale ci sono troppe dinamiche, mentre io sono abbastanza un'accentratore.

Tra l'altro non tutti sanno che, e questa cosa ci tengo che esca, questo disco ha fatto cambiare il regolamento di Sanremo. Grazie a questo progetto adesso sul palco dell'Ariston si possono portare i sample. E per potercelo proporre hanno cambiato il regolamento, che non accettava il campionamento.

Cose dell'altro Mondo La copertina di Cose dell'altro mondo. Questo è stato il disco della mia rinascita. Arrivavo da un disco in cui non avevo stimoli e non ero in forma. Ero deluso dalla risposta della scena, come dicevo prima. Nella scena rap italiana c'è un po' la sindrome del cazzo corto.

Prima di questo disco c'è stata la faida tra te ed Entics, ti è servita in qualche modo per riprendere un po' di sicurezza in te stesso? Sicuramente ha fatto tanto hype. C'è ancora tanta gente che mi scrive gasata. È anche il motivo per cui qualche anno fa le sfide di freestyle andavano un casino: al di là del fatto che alla gente piace il sangue, ti esce fuori una carogna che ti fa venire i superpoteri. Ci metti ancora più impegno perché ne va in qualche modo della tua credibilità.

È stata una cosa che mi ha fatto gioco.

“La freschezza del Marcio”, il nuovo album di Mondo Marcio | Download

Più che altro era una risposta a Entics, con il quale non c'era un rapporto umano, proprio non sapevo chi fosse, né musicalmente, né umanamente. È stata una risposta a uno sconosciuto.

Considerando anche che dopo esce anche l'EP con Bassi Maestro. Anche il pezzo con i Finley, se uscisse oggi sarebbe un coronamento. Più che ritorno al rap, ti direi ritorno all'ispirazione positiva. Se crei devi stare bene, qua stavo bene.


Articoli simili: