Centralfloridavocalarts

Centralfloridavocalarts

SCARICA QGIS PER MAC

Posted on Author Taulrajas Posted in Giochi


    Contents
  1. Caratteristiche tecniche
  2. Georeferenziare un’immagine con QGIS
  3. Alla scoperta di QGIS, il software gratis numero uno
  4. Quantum GIS 1.4.0, applicazione per chi muove i primi passi nell’ambiente GIS

QGIS è disponibile per Windows, macOS, Linux e Android. Download delle installazioni; Tutte le versioni; Sorgenti. Scarica per Windows. QGIS è liberamente disponibile su Windows, Linux, Mac OS X, BSD, e Android. Per l'installazione su Windows andare sulla pagine Scarica QGIS. Per i nuovi. Purtroppo in passato installare Qgis sul proprio MacOS era un pò più difficoltoso Dopo di che procediamo con il download del pacchetto di. QGIS: Ecco come scaricare ed installare la nuova versione 3 di QGIS su MAC (​per Yosemite e successivi) Grazie a Metodo Q ZERO per imparare QGIS da.

Nome: qgis per mac
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi:MacOS Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 67.81 Megabytes

Io aggiungo che funziona molto bene, è molto usato nel mondo, è costantemente aggiornato ed ha una community molto attiva alle spalle, da cui attingere informazioni da video, articoli, tutorial e discussioni su forum per qualsiasi dubbio, problema o curiosità.

Raster vuol dire griglia. Forme con caratteristiche di colore o di effetti. Le immagini vettoriali pesano di meno, in termini di megabyte, di quelle raster. Qui sotto vedi la differenza tra un raster ed un vettoriale sovrapposti.

Informazioni di tipo omogeneo sono contenute in un layer. Ad esempio un layer potrebbe contenere informazioni sulla rete stradale, un altro quelle sulla rete ferroviaria, un altro ancora quelle su fiumi e laghi. Quando si inseriscono, modificano o eliminano dati, si agisce sul layer selezionato in quel momento. I dati sono in formato vettoriale e sono costituiti da 2 parti: le informazioni relative alla traccia elenco di punti con latitudine e longitudine e le informazioni aggiuntive attributi come adesempio la larghezza o la superficie di una strada, il tipo di strada, ecc.

Nel caso dei dati di Bicitalia sono stati definiti una serie di attributi che è possibile associare ad una traccia. Il metodo di lavoro standard dovrebbe essere il seguente: si apre il progetto si inseriscono o modificano delle tracce; in alternativa si importano le tracce da un'altra fonte es. A differenza della versione precedente del sistema di inserimento dati, in questo nuovo sistema è possibile fare grossi danni ai dati.

Bisogna quindi prestare particolare attenzione a quel che si fa, limitandosi alle operazioni illustrate in questa guida. È sicuramente possibile utilizzare anche le funzioni avanzate di QGIS ma per evitare modifiche ai dati inaspettate si richiede di concordare preventivamente con il webmaster queste operazione al fine di valutarne portata e conseguenze.

Organizzazione del programma La finestra principale del programma consiste principalmente di: barra dei menu in alto barra dei tool delle funzioni principali o di più comune utilizzo sotto la barra dei menu navigatore a sinistra layers a sinistra sotto il navigatore mappa nella parte centrale Le varie parti possono essere spostate, ridimensionate, eliminate, quindi quello sopra descritto è l'aspetto base, alla prima esecuzione del programma.

Layers Aprendo il progetto predefinito indicato nella sezione di configurazione, la finestra dei layers viene riempita con una serie di layer necessari al corretto funzionamento della gestione dei dati di bicitalia. Nell'elenco possono anche apparire anche livelli relativi ad altri dati o a mappe di sfondo. Nel progetto di configurazione base, ad esempio, è presente il livello Openstreetmap che permette di visualizzarne la mappa principale.

Più avanti verrà descritto come aggiungere altri layer. Sulla sinistra del nome del layer è presente una casella di spunta. Solo i layer spuntati vengono visualizzati sulla mappa. A parte il layer bicitalia:tracce5, gli altri layer speciali non serve siano spuntati, non contengono tracce. Cliccando col tasto destro del mouse o equivalente sul nome di un layer appare un elenco di opzioni. Quelle utili nell'uso normale sono: Zoom to layer centra la mappa sui dati contenuti in quel layer Remove permette di rimuovere un layer dalla mappa.

I dati non vengono eliminati. Open attribute layer apre una finestra contenete i dati in forma tabellare Toggle editing permette di passare dalla modalità di sola lettura a quella di modifica dei dati. Queste funzioni sono attivabili anche utilizzando le voci presenti all'interno del menu principale o attraverso le icone della toolbar.

Cliccando sul nome di un layer lo si rende attivo, nel senso che nel caso si sia in modalità di modifica dati, le varie operazioni di inserimento, modifica ed eliminazione avvengono solo sul layer attivo.

Il layer attivo è indicato con sfondo azzurro. È possibile selezionare più di un layer e compiere su di essi contemporanemente una operazione, ad esempio l'eliminazione.

Caratteristiche tecniche

Utilizzare i tasti maiuscolo o CTRL cliccando sul nome del layer per selezioni multiple. L'ordine dei layer nell'elenco è importante. Non tutti i layer sono trasparenti, ad esempio non lo sono le mappe di sfondo standard come Google, Bing o OSM, e vale il principio che il layer piu' in alto si sovrapponea quelli sottostanti.

In generale conviene quindi che il layer bicitalia:tracce5 sia in prima o nelle prime posizioni. Per modificare la posizione di un layer cliccare sul nome e trascinarlo. Come aggiungere un layer Vi sono vari modi per aggiungere un layer alla mappa, le modalità dipendono dal tipo di layer.

Facciamo di seguito alcuni esempi. Mappa di sfondo Il plugin Openlayers che dovreste aver installato nella fase di configurazione permette di aggiungere layer con le mappe commerciali e non standard.

Dopo aver aggiunto il plugin nel menu Web viene aggiunta la voce Openlayers al cui interno trovate le mappe standard fornite da Google, Bing, OpenStreetMap, ecc. Cliccando sulla voce corrispondente alla mappa prescelta verrà aggiunto un layer in cima all'elenco dei Layers.

Georeferenziare un’immagine con QGIS

Ricordare di modificare l'ordine dei layer altrimenti il layer appena aggiunto copre tutto il resto. Shapefile e KML Se si ha a disposizione un file di tipo shape ArcGis è possibile aggiungerlo per utilizzarlo come riferimento nella tracciatura oppure per copiare dati all'interno di Bicitalia.

Menu Layer - Add layer - Add Vector layer. Si aprirà una finestra in cui selezionare il file shape. Come Source type selezionare File.

Dopo aver selezionato il file premere Open. Nella finestra che si apre cliccare sul tab Load GPX file per aggiungere un layer con dati GPX oppure sul tab Import other file per importare file in formati utilizzati da vari tipi di navigatori GPS o da software di cartografia. Dopo aver selezionato il file premere Ok.

Alla scoperta di QGIS, il software gratis numero uno

Verrà aggiunto un nuovo layer con i dati. Nel caso in cui il formato del file da importare non sia compatibile con quelli disponibili in QGIS è necessario provvedere autonomamente alla conversione inun formato compatibile. Ci sono vari programmi e tool che permettono o di esportare i file in formati diversi o di convertire i file da un formato ad un altro. Supponiamo si voglia inserire un percorso a mano, ricalcando una delle mappe di sfondo.

Nell'elenco dei layer selezionare bicitalia:tracce5 attivare la modifica dei dati cliccando sull'icona con matitina presente nella toolbar in alto a sinistra. Il colore delle tracce esistenti cambia aspetto e diventa rosso. Se il livello di zoom è sufficientemente alto appaiono anche delle crocette che indicano i vari punto che costituiscono la traccia.

Diventano attive alcune icone accanto alla matitina.

Per tracciare cliccare sulla seconda icona a destra della matitina Cliccare sulla mappa nel primo punto dove si vuole tracciare il percorso, proseguire cliccando nei punti successivi. Per terminare cliccare col tasto destro del mouse o equivalente Dopo qualche istante apparirà una finestra contenete gli attributi da associare alla traccia appena inserita.

Inserire le varie informazioni e premere Ok. A questo punto la nuova traccia si trova sul nostro computer ma non ancora sul server.

È possibile proseguire il lavoro inserendo altre tracce con relativi attributi. Oppure si possono trasferire i dati inseriti al server utilizzando l'icona Salva, la prima a destra della matitina gialla.

QGIS potrebbe chiedere di inserire le credenziali per modificare o salvare i dati. Le credenziali vanno chieste ad Antonio Dalla Venezia. È anche possibile cancellare le modifiche fatte utilizzando l'icona con le matitine rosse e selezionando la voce Cancel for selected layer. Non ci saranno invece versioni per iPad almeno a breve, a causa delle norme sulle licenze.

Ma qual è il vantaggio? Il cross-platform multipiattaforma aumenta il numero dei possibili utilizzatori, QGIS vanta quindi una communities più ampia, ovvero molti più colleghi con cui collaborare!

Inoltre sono pochissime le applicazioni GIS disponibili su Mac. In Italia è presente una comunità di utilizzatori molto diffusa e radicata in grado di dare supporto e consigliare tutti i nuovi utenti che si avvicinano a QGIS. Tra le aziende: che sempre di più scelgono QGIS,. A qualcuno potrebbe non piacere. Qualche sito utile Se vuoi approfondire le tue conoscenze sul prodotto ti consigliamo di consultare questi siti: — Il sito ufficiale ovviamente!

Quantum GIS 1.4.0, applicazione per chi muove i primi passi nell’ambiente GIS

Usa i link che ti ho dato per scaricarlo, installa il tutto ci vuole veramente poco! Sono curioso di sapere cosa ne pensi! Sarebbe opportuno invogliare gli utenti di questo SW OS a contribuire per lo sviluppo.

In effetti, soprattuto per i software Open Source gratuiti, questo è un annoso problema. Il fatto di poter essere usufruibili gratuitamente è per loro un PRO come velocità di espansione e moltiplicazione delle installazioni ma sicuramente anche un CONTRO per quanto riguarda anche un minimo rientro economico.


Articoli simili: